Un'interessante intervista a due importanti gestori americani da cui trarre spunti su come gestire i nostri portafogli in questo mometo di incertezza.

Investire per la crescita in mercati volatili

Tratto da un articolo pubblicato da PUNTNAM INESTMENT 20/04 il /20 (USA).

Mentre il mercato azionario sopporta le prospettive di utili e ripresa, Richard E. Bodzy e Gregory D. McCullough, CFA, gestori di portafoglio di Putnam Investment, discutono delle loro strategie e prospettive.

 

Stiamo assistendo a nuove opportunità in una vasta gamma di settori, in particolare nei segmenti di tecnologia, assistenza sanitaria e consumi.

Quando prendiamo in considerazione nuovi acquisti per il portafoglio, cerchiamo di gestire il rischio osservando il precedente ribasso del titolo.

Stiamo analizzando i driver della domanda che probabilmente persisteranno per il resto della recessione e nelle fasi di recupero e normalizzazione.

Cosa succederà? Venti e opportunità

Richard: Il nostro portafoglio non è immune agli impatti di COVID-19, ma vogliamo sottolineare che la nostra strategia non richiede un'accelerazione economica per avere successo. Tuttavia, prevediamo tempi difficili, poiché la disoccupazione aumenterà, i tassi di insolvenza aumenteranno e probabilmente entreremo in un ambiente recessivo per un certo periodo di tempo. Al contrario, siamo rimasti colpiti dalla velocità dello stimolo fiscale e monetario, che ha contribuito a stabilizzare i mercati. Non vediamo $ 2 trilioni - la dimensione del soccorso economico di emergenza - come un numero magico, e pensiamo che le misure di stimolo aumenteranno.

Greg: La macro incertezza è impegnativa, ma crediamo che la recessione presenti opportunità. Stiamo assolutamente utilizzando la debolezza dell'intero mercato per accrescere le partecipazioni esistenti o avviare nuove posizioni. Ci sono molti titoli che sono stati sul nostro radar per mesi, se non per anni, ma non sono entrati nel nostro portafoglio per vari motivi, spesso a causa delle loro elevate valutazioni. Oggi riteniamo che le valutazioni siano diventate molto più interessanti per un certo numero di aziende che soddisfano i nostri criteri di investimento. Esse si trovano in molti settori, ma principalmente nei segmenti di tecnologia, assistenza sanitaria e consumi.

Stiamo assolutamente utilizzando la debolezza dell'intero mercato per accrescere le partecipazioni esistenti o avviare nuove posizioni.

Gestire il rischio tra l’incertezza

Greg: Sebbene il portafoglio non fosse completamente immune da un enorme shock economico come questo, crediamo di esserci entrati con un migliore posizionamento. Dedichiamo molto tempo alla costruzione del portafoglio. Il nostro obiettivo è quello di allocare il nostro budget di rischio su titoli specifici, piuttosto che cercare di effettuare investimenti generalizzati su diversi settori. Generalmente manteniamo il pes0 di un settore non oltre il 3% rispetto al benchmark. Preferiamo una selezione individuale dei titoli per favorire la performance del portafoglio invece di un'allocazione eccessiva in un settore-

Per quanto riguarda la gestione del rischio, valutiamo il suo ribasso quando prendiamo in considerazione un uovo titolo da inserire in portafoglio. Consideriamo come un business si è comportato fondamentalmente in altri ambienti economici difficili. Trascorriamo molto tempo a pensare alle vulnerabilità di un'azienda quanto alle opportunità.

 

Cerchiamo più della crescita assoluta

Richard: Il nostro processo di scelta va oltre il fatto di trovare il più alto potenziale di crescita in un particolare settore. Siamo focalizzati  su quanto possa essere duratura la  crescita tanto quanto sul livello assoluto di crescita. Non prendiamo in considerazione un'azienda che crescerà del 40% in un trimestre, ma anche che diminuisca solo del 10% nel trimestre successivo. Stiamo cercando una gamma molto ristretta di risultati finanziari. Siamo attratti da modelli di business in cui vi è visibilità sui flussi di cassa e mancanza di sensibilità economica. Crediamo che questo criterio ci differenzi da molti dei nostri coetanei di crescita.

 

Molte aziende potrebbero essere in procinto di beneficiare della sfida

Greg: Se pensi a come le nostre vite sono cambiate nelle ultime settimane, i vantaggi del cloud computing diventano evidenti. Questa è l'infrastruttura che consente l'apprendimento a distanza, la comunicazione aziendale e gli strumenti di produttività, i social media e i giochi. Con l'aggravarsi della crisi COVID-19, abbiamo assistito a un aumento significativo dell'adozione dei sistemi di cloud pubblico con l'aumento della domanda da parte di aziende, scuole e consumatori. Riteniamo che questi driver della domanda possano persistere per il resto della recessione e nelle fasi di recupero e normalizzazione. Non solo queste imprese sono state resistenti e forti durante la crisi, ma crediamo che probabilmente diventeranno più forti in seguito.

 

Emergendo dalla crisi: cosa aspettarsi

Richard: Nelle nostre discussioni in corso, pensiamo ai potenziali cambiamenti nel comportamento e a ciò che potrebbe apparire diverso quando usciremo dall'altra parte della pandemia. Dopo l'11 settembre, ad esempio, abbiamo assistito a cambiamenti significativi nelle procedure di TSA e nello screening dei passeggeri delle compagnie aeree. Ora, potevamo vedere le persone prendere la loro temperatura quando entravano in uno stadio di calcio o salivano su un aereo. Potremmo vedere i singoli stati accumulare provviste mediche come una cosa ovvia. Alcuni cambiamenti saranno temporanei, altri più duraturi.

 

Greg: Nella nostra ricerca e analisi, non cerchiamo di definire un fondo di mercato. Ci concentriamo sull'identificazione di aziende in grado di resistere alla tempesta e di emergere ancora più forti. Non stiamo cercando l'industria o l'azienda che è stata la più danneggiata, sperando in uno snap-back a forma di V richiesto in un certo mercato finale. Stiamo chiedendo come sarà la nuova normalità e quali aziende trarranno vantaggio in modo più radicale e duraturo. Il settore della spesa online, ad esempio, può godere di benefici più duraturi, poiché molti consumatori hanno aperto più account online nel mezzo di questa crisi. Anche quando i negozi di materiale edile riapriranno, la domanda potrebbe rimanere forte poiché un numero sempre maggiore di consumatori riconosce i vantaggi dello shopping online.

 

Stiamo discutendo come apparirà la nuova normalità e quali aziende trarranno vantaggio in modo più radicale e duraturo.

 

In altre aree della vendita al dettaglio, ci sono aziende che si trovavano in una posizione di forza, con solide strategie in atto per guidare la penetrazione dell'e-commerce. Nel corso delle ultime settimane, abbiamo visto queste aziende accelerare i loro investimenti nel commercio elettronico e hanno acquisito nuovi clienti tra gruppi demografici che non avrebbero mai immaginato un mese fa.

Strategia per perseguire il successo: gestione attiva

 

Richard: Sei settimane fa, nessuno di noi avrebbe potuto prevedere un declino molto rapido del 30% nell'indice Russell 1000 Growth, tanto meno gli sforzi senza precedenti che abbiamo visto per stabilizzare i mercati e l'economia. Gli effetti complessivi di questa pandemia sono ancora incerti, ma sappiamo che il panorama economico apparirà diverso quando l'economia gira l’angolo per riprendersi da questa crisi.

 

Greg: Poiché gli investitori si trovano ad affrontare molte incertezze, siamo concentrati sui potenziali vantaggi del nostro approccio di gestione attiva, uno che non richiede accelerazione economica per avere successo. Siamo in grado di rivolgersi a società che soddisfano i nostri rigorosi criteri e che non possono essere mantenute nel nostro benchmark o nei portafogli dei nostri colleghi. Queste sono attività che riteniamo possano non solo crescere attraverso questo difficile contesto economico, ma che hanno anche il potenziale per migliorare la loro quota di mercato e il posizionamento competitivo mentre emergiamo da questo in un nuovo ciclo economico.

 

*L'indice Russell 1000 Growth è un indice non gestito di quelle società dell'indice Russell 1000 ad alta capitalizzazione scelto per il loro orientamento alla crescita.